Positive Psychology

Posted by Claudia D'Agostini |30 Gen 18 | 0 comments

This post is also available in: en

La psicologia positiva, contrariamente alla psicologia tradizionale, si concentra su ciò che c’è di positivo nella persona e come questo positivo può essere usato nella quotidianità. Questa nuova materia racchiude studi sulla felicità, sul benessere, sulle emozioni, sulla consapevolezza, sulla realizzazione di sogni e obiettivi, nei diversi contesti che costituiscono la nostra vita (lavoro, casa, relazione ecc.). Quello che apprezzo maggiormente della psicologia positiva è la sua applicazione pratica, la sua utilità nella vita di tutti i giorni. Ad esempio uno studio del 1994 di Furnham (psicologo del lavoro) ci dice che se nel luogo di lavoro la nostra personalità viene espressa, apprezzata e amalgamata bene a quella del team, mi sentirò meglio a lavorare, sarò più coeso con i colleghi e il risultato finale sarà una maggiore produttività.

Un altro studio ci fa notare come guardarci allo specchio ogni mattina per 1 minuto sorridendo aumenta l’afflusso di “ormoni della felicità” al cervello che producono effetti benefici sulla nostra autostima, sulla serenità e sul benessere quotidiano. Ne sa qualcosa Lucia Berdini, Coach della risata di cui vi parlerò nel prossimo articoli. FB Lucia Berdini

Insomma, ancora una volta la scienza ci dice che vivere le attività e gli avvenimenti con coinvolgimento, serenità e piacere è la chiave per scegliere molti nodi di negatività che ci attanagliano giorno dopo giorno a lavoro, a casa e altrove e soprattutto che è un nostro dovere sforzarsi ogni giorni di fare ciò che più ci piace e rispecchia la nostra personalità.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *